QuoVadisblog | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

QuoVadisblog
"La strada è lunga, ma non esiste che un solo mezzo per sapere dove può condurre, proseguire il cammino" (don Tonino Bello)
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


SOCIETA'
Natale di Roma: 2762 anni e ancora è difficile muoversi in città!!!
21 aprile 2009
Il Natale di Roma, festa laica legata alla fondazione della città di Roma, il 21 aprile del 753 a.C. è un giorno particolarmente sentito da tutta la cittadinanza impegnata a commemorare la storia millenaria di una delle città più antiche della storia dell'uomo, mai stanca di dare i suoi impulsi di vitalità e creatività.
Leggevo ieri la presentazione delle manifestazioni messe in atto per celebrare questo importante evento proprio mentre mi trovavo tra un autobus e l'altro, una metro e quella sucessiva ad andare nel mio posto di lavoro: ero sulla banchina della metro A fermata stazione Termini e, prima di riuscire a prendere il mio posto, ho dovuto attendere il passaggio di 6 metropolitane, tutte rigorosamente strapiene, incapaci di assorbire altri passeggeri.
Il tutto, considerando il passaggio ogni 3 minuti, per una modica attesa di circa 20 minuti, su di una banchina stretta, accalcato tra migliaia di altre persone tutte nelle mie condizioni, con il rischio per tutti di ritrovarsi sui binari per una spinta fuori posto, per una botta del vicino o per le spinte di quelli delle file dietro.
Ho assistito a scene allucinanti: ogni arrivo del treno era uno spingersi uno sull'altro per cercare di entrare, senza neanche la minima attenzione ad una delle più elementari regole di convivenza e civiltà per la quale bisogna prima lasciare che tutti scendano per poi salire: no, la gente entrava ancor prima che le porte completassero l'apertura, a volte, rasentando quasi il ridicolo, ri-spingendo dentro anche coloro i quali si apprestavano a scendere, e quindi, a lasciare libero un posto.
Inoltre gli interventi degli agenti predisposti alla sicurezza, costellati di insulti, invettive contro l'inciviltà degli italiani ( se sul momento qualcuno avesse fatto un controllo, fosse di italiani eravamo la metà) e inviti (eufemismo) a saper attendere "solo" altri 3 minuti per....Riassistere alla medesima scena: tralasciando il modo con il quale certe persone si accostano a lavori che dovrebbero avere una particolare attenzione al rapporto con la gente e ai modi con i quali questo dovrebbe essere eseguito, ho cercato, pur nel nervosismo crescente dentro di me, di "tirarmi fuori" da quel contesto per cercare di capire.
Chi sono gli incivili? Coloro i quali, pur sbagliando, non guardano in faccia a regole e persone per entrare dentro un mezzo pubblico o chi, giornalmente, mette in queste condizioni disumane migliaia e migliaia di persone?
Io ho provato a fare il civile in quei 20 minuti...Ho provato perchè, per fortuna, non avevo orari scaditi e potevo arrivare anche un pò più tardi e infatti sono riuscito ad entrare dopo 6 passaggi: avessi spinto, provato ad infilarmi tra le braccia di uno e le gambe dell'altro magari avrei preso la terza, la quarta, ma non vi sembra sia comunque un'assurdità?
E chi deve stare puntuale al lavoro? E chi non riesce a stare lì sotto per così tanto tempo?E chi, giustamente, considera disumane le condizioni che si vivono lì sotto, e ripeto, ogni giorno?
Roma è una città meravigliosa, è giusto che venga valorizzata e messa nelle condizioni di essere ammirata, amata, studiata, vissuta da chiunque nel mondo desideri almeno una volta nella sua vita passare qualche giorno tra le meraviglie che riempiono ogni suo vicolo, strada, piazza o ponte; ma non possiamo guardare con orgoglio solo al passato, bisogna fare in modo che l'orgoglio continui ad esserci anche il presente e, in prospettiva, per il futuro.
Non si può lasciare che milioni di cittadini vivano disservizi continui, soprattutto per quanto riguarda la mobilità, perchè proprio per il valore che ogni più insignificante vicolo ha, sarebbe importantissimo e fonte di innumerevoli benefici dar vita ad una politica che renda questa città camminabile, dia la possibilità a chi giornalmente la vive, di viverla fino in fondo, di gioire quotidianamente del meraviglioso patrimonio che custodisce ma che troppo spesso ci dimentichiamo presi da vere e proprie battaglie che servizi deficitari e in taluni casi assenti, provocano dentro chiunque ha la necessità di farne uso.


CULTURA
21 Aprile 753 a.C.: tanti auguri Roma!!!
21 aprile 2008


L’ELEZZIONE DER PRESIDENTE

Un giorno tutti quanti l’animali
sottomessi ar lavoro
decisero d’elegge un Presidente
che je guardasse l’interessi loro.
C’era la Società de li Majali,
la Società der Toro,
er Circolo der Basto e de la Soma,
la Lega indipendente
fra li Somari residenti a Roma;
e poi la Fratellanza
de li Gatti soriani, de li Cani,
de li Cavalli senza vetturini,
la Lega fra le Vacche, Bovi e affini…
Tutti pijorno parte all’adunanza.
Un Somarello, che pe’ l’ambizzione
de fasse elegge s’era messo addosso
la pelle d’un leone,
disse: - Bestie elettore, io so’ commosso:
la civirtà, la libbertà, er progresso…
ecco er vero programma che ciò io,
ch’è l’istesso der popolo! Per cui
voterete compatti er nome mio. -
Defatti venne eletto proprio lui.
Er Somaro, contento, fece un rajo,
e allora solo er popolo bestione
s’accorse de lo sbajo
d’avé pijato un ciuccio p’un leone!
-Miffarolo! - Imbrojone! - Buvattaro!
-Ho pijato possesso:
-disse allora er Somaro - e nu’ la pianto
nemmanco se morite d’accidente.
Peggio pe’ voi che me ciavete messo!
Silenzio! e rispettate er Presidente!
-TRILUSSA-          
                       


Oggi, Natale di Roma, si festeggia idealmente la nascita dell città eterna avvenuta il 21 aprile del 753 a.C. : città magnifica, ricca di storia, di fascino, di misteri, di morte, capace di trasmettere quelle emozioni che proprio il radicamento storico genera dando la sensazione di essere immersi, passeggiando per le sue strade e tra i suoi monumenti, in vicende del passato che all'istante sembra rivivere quasi che tutto sia un continuo ripetersi.
Una città unica, se non altro perchè capace di sopravvivere sempre, in ogni circostanza storica, alle vicende che via via si svolgevano sul suo suolo rimanendo, ad oggi, forse l'unica nella storia ad essere stata capace di rimanere importante, per la capacità insita nelle sue mure di saper sempre cambiare, nonostante le diverse genti che hanno calpestato il suo suolo, ma allo stesso tempo conservarsi e conservare la sua storia millenaria.
Oggi Roma è una città stupenda, meta di viaggi e vacanze da tutto il mondo, ma allo stesso tempo ferma e immobile in tanti contesti che la rendono invivibile e obsoleta soprattutto per quanti giornalmente ci vivono e rischiano di perdere il piacere di "respirarla" per le tante mancanze che in essa sono presenti: proprio per questo, il mio augurio, nella settimana che porterà alla scelta del prossimo sindaco, è che sappia trovare persone capaci di governarla con la giusta modalità e con i giusti ideali, rendendola moderna e vivibile, ma allo stesso tempo difendendo tutto ciò che in essa la storia ha scritto e continua a tramandare giorno dopo giorno.
Tanti auguri Roma!!!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. roma trilussa natale di roma 21 aprile

permalink | inviato da Andrzej il 21/4/2008 alle 12:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo        maggio